Arte e videogioco

11 07 2012

Di arte non so nulla, però non capisco come possa esserlo questo:

 

1354616264988

e venderlo a 50€, e non definire ciò questo:

No, non sono andato allo zoo a fare la foto, è Afrika.

Ed è interessante la volontà di Ubisoft di dare una risposta alla domanda “il videogioco è arte?” con l’iniziativa Art (R)Evolution, portando in Italia i bozzetti di realizzazione della serie Assassin’s Creed.

Il videogioco è arte, il problema è farlo capire togliendo il pregiudizio di chi non lo ritiene tale, magari mostrandogli un artbook o un making of in modo da fargli sapere che ci sono artisti che ci lavorano e che hanno passione nel farlo.

Citando Debora Ferrari (Critica d’arte e curatrice Art (R)Evolution):

“La cultura è presbite, vede cose via via che si allontanano” 

Sperando che questa presbiopia venga curata presto, vado a gettare a caso della vernice su una tela, è arte! 😉

Ahhh, Mirror’s Edge…

foto prese da Eletric Blue Skies – Visual Gaming

Videocoverage Art (R)Evolution

Annunci




Bcube, l’italiano è un po’… cubico

14 06 2012

Oh sì, mi piace “cazzeggiare” con Photoshop, ieri, così tanto per, mi sono messo a disegnare uno strano volto a matita per poi riportarlo con il programma sopraccitato. Guardandolo bene mi è venuto in mente l’italiano medio… ma sì perché l’italiano è un po’… cubico.

Un cubo è spigoloso, pieno di punte, quasi taglienti, graffianti, fastidiose insomma, intoccabili con un’autodifesa invalicabile.

Leggi il seguito di questo post »





Morire videogiocando… o anche ascoltando Mr. Crowley eh

1 06 2012

Leggevo pochi giorni fa una notizia dove un ragazzo trentaduenne è morto d’infarto dopo aver giocato 72 ore a Diablo III, non so perché ma non mi ha sorpreso più di tanto…

Cina, gioca davanti al pc per 72 ore poi entra in coma e muore

Muore di trombosi a vent’anni per colpa dei videogiochi?

Muore dopo 23 ore ai videogiochi

XBOX/ Inghilterra: ragazzo muore dopo dodici ore di Halo

esatto Villaggio…

Questi sono alcuni, e ovviamente buona parte di questi getta il solito allarmismo tipico della superficialità italiana.

Leggi il seguito di questo post »





“Sparx” contro la depressione, quando i videogiochi fanno bene

14 05 2012

Si sentono spesso notizie negative sugli effetti dei videogiochi: “ti rendono violento”, “ti fanno guidare in modo spericolato”, “ti fanno accoppare il padre” e via dicendo. Finalmente una notizia positiva, un videogioco che può essere d’aiuto contro una patologia dell’umore: la depressione.

L’università di Auckland in Nuova Zelanda ha progettato “Sparx” (Smart Positive Active Realistic X-factor), un fantasy giocabile su PC, non in vendita, ma che potrebbe essere sostituito alle terapie ora in uso visto i risultati prodotti dalla sperimentazione.

Leggi il seguito di questo post »





“come salvare il mio figlio dal videogioco”, i genitori moderni googlano

14 04 2012

Spesso, per curiosità, controllo le statistiche del blog. WordPress permette di sapere da dove provengono le visite, quali sono i post più letti e altre cose interessanti, ma ieri mi è saltata all’occhio la voce “termini ricercati dai motori di ricerca” perché qualcuno ha usato il suo browser per cercare di aiutare suo figlio.


Leggi il seguito di questo post »





I terroristi laggano su Call Of Duty

23 03 2012

Ok ok, dovrebbe essere una notizia seria e preoccupante… ma…

è talmente assurda che fa ridere 😀

Il SUN in prima pagina scrive “I terroristi usano i giochi online per pianificare attacchi reali” in particolar modo viene preso di mira COD.

Ooooh, ma quante notizie intelligenti...

Leggi il seguito di questo post »





Manhunt, è questa la vera violenza o…

12 03 2012

Una delle più recenti e di maggiore impatto controversie sui videogiochi è sicuramente quella contro Manhunt e del suo seguito, accusato addirittura di un omicidio (alla fine si è rivelato infondato, ma su questo ci arriviamo dopo).

La trama del primo capitolo è, in effetti, già di suo molto cruda:

James Earl Cash è condannato a morte per iniezione letale a causa di diversi crimini commessi, ma ciò non avviene. I dottori sono stati corrotti per sostituire la soluzione letale con un sonnifero, James sarà il protagonista di un film con un famoso regista di snuff movies.

Dai, per questa volta ti è andata bene!


Leggi il seguito di questo post »