Come ti piazzo il tricolore… al contrario

2 07 2012

Mi capita spesso di vedere la nostra bandiera appesa ai balconi delle case, ciò è piacevole se non fosse che buona parte di queste è al contrario.

L’italiano non è patriottico ma si finge tale solo quando 11 persone con indosso una maglia azzurra entrano in un campo per rincorrere una palla, che a sua volta viene rincorsa da altri 11 individui (va be’, per fare i pignoli 1 per squadra sta fermo ad aspettare che questa gli arrivi addosso).

Quando i grandi eventi calcistici si presentano tutti fuori per appendere il tricolore, probabilmente pensando che questi signorini ci rappresentino (sicuramente non per il guadagno…), rigorosamente con i colori invertiti.

Che non siamo una società patriottica lo sappiamo bene, c’e ne frega gran poco del nostro paese (salvo appunto per il calcio), ma non conoscere nemmeno l’ordine dei colori è a dir poco triste.

 “La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni”

Guardando la bandiera i colori devono essere da sinistra verso destra: verde, bianco e rosso. Niente di più semplice.

Allora perché non appenderla correttamente? se la si vuole far vedere ai passanti l’ordine è questo. Il flag code americano impone che la bandiera sulle giacche dei soldati sia al contrario, in una posizione onorevole diretta verso il fronte. Se in una macchina per questioni di design (più che contestabili) la si può capovolgere per dare un senso di movimento:

Non è di certo corretto esporla ai fotografi così:

Comunque c’è chi le idee le ha chiare ed è coerente, i Litfiba hanno scritto una canzone chiamata “Grande Nazione” dove in pochi minuti viene riassunta la storia italiana, e Piero Pelù durante i concerti si avvolge la testa con la bandiera al contrario.

Citando la canzone:

“cervelli in fuga dal dio padrone
siamo una contraddizione…Italia…italiani”

Niente di più vero.

Ecco, magari si può riuscire ad essere meno ipocriti e più coerenti, anche se difficile visto che siamo

“poeti, santi ed inventori
non impariamo niente dalla nostra storia” 😉





La pirateria va di moda e “fa figo”, o almeno così dicono

18 06 2012

“Ma costano troppo, vai sul torrent e li scarichi gratis, e si eh”

“Eh ma dai, 60 euro è troppo : (“

“Lo fanno tutti quindi è giusto!!1111!!1”

“UUUh, è disponibile Pinco Pallino Giardiniere sul mulo, vai che lo scarico prima di tutti!”

“No ma va, io li scarico per provarli e poi decido se comprarli”

Non so voi, ma a me queste frasi fanno incazzare, sarà per l’ignoranza di questi individui, sarà perché è fastidioso sentire che queste persone reputino la pirateria un atto… normale.

In realtà è illecito ed equivale a rubare, detto in parole povere chi pirata è un ladro. Anche se visto in maniera differente perché si tratta di materiale digitale e non fisico, diciamo che se non vediamo quello che ha rubato e non lo ha effettivamente in mano la sua figura cambia.

Gabe è un pirata… senza Half Life 3…

Leggi il seguito di questo post »





“Sparx” contro la depressione, quando i videogiochi fanno bene

14 05 2012

Si sentono spesso notizie negative sugli effetti dei videogiochi: “ti rendono violento”, “ti fanno guidare in modo spericolato”, “ti fanno accoppare il padre” e via dicendo. Finalmente una notizia positiva, un videogioco che può essere d’aiuto contro una patologia dell’umore: la depressione.

L’università di Auckland in Nuova Zelanda ha progettato “Sparx” (Smart Positive Active Realistic X-factor), un fantasy giocabile su PC, non in vendita, ma che potrebbe essere sostituito alle terapie ora in uso visto i risultati prodotti dalla sperimentazione.

Leggi il seguito di questo post »





Fiere videoludiche italiane, dai che ci siamo!

3 05 2012

Ormai manca poco all’E3, l’evento videoludico più importante a livello mondiale, ma qui… in Italia, come stiamo messi?

Non a quei livelli ma ultimamente stanno aumentando, sono sempre di più e questo non può che far piacere. Probabilmente la migliore a livello di grandezza e contenuti è l’appena nata Games Week, che si è svolta a Milano dal 4 al 6 novembre 2011 e ritornerà il 9 novembre 2012.

 
Leggi il seguito di questo post »





Manhunt 2, inadatto agli adulti dicono! ci risiamo…

28 03 2012

Il seguito di Manhunt ha una trama molto più profonda e complessa, misteriosa anche, dovremo scoprire come mai il nostro protagonista sia stato rinchiuso in un manicomio e recuperare la memoria.

Con ovviamente uomini alle calcagna che ci vorranno far fuori.

Ma come siete eleganti!

Leggi il seguito di questo post »





Resident Evil, ora vi censuriamo gli zombie! Braaaaiiiinssss

7 03 2012

Resident Evil, lo conosciamo tutti suvvia, uscito nel 1996, è stato uno dei primi survival horror (termine coniato dalla stessa Capcom).

Difficile da dimenticare l’intro, girata con attori in carne ed ossa, dove l’agente S.T.A.R. Joseph Frost viene sbranato da cani zombie (cerberus).

In realtà questa è stata censurata nella versione occidentale, innanzitutto è in bianco e nero a differenza dell’originale a colori, articoli di giornale al posto di cadaveri e la scena della morte di Joseph è stata resa confusionaria.

Ciò che più mi lascia perplesso è la scena di presentazione di Chris Redfield, in origine si limitava ad accendere una sigaretta, nella versione censurata lo si vede impugnare una pistola… (e qui si ritorna al discorso fatto nell’articolo della Columbine: https://suvviaitaliavideogiochiamo.wordpress.com/2012/03/02/massacro-columbine/, sì alle armi no al resto.)
Leggi il seguito di questo post »