Arte e videogioco

11 07 2012

Di arte non so nulla, però non capisco come possa esserlo questo:

 

1354616264988

e venderlo a 50€, e non definire ciò questo:

No, non sono andato allo zoo a fare la foto, è Afrika.

Ed è interessante la volontà di Ubisoft di dare una risposta alla domanda “il videogioco è arte?” con l’iniziativa Art (R)Evolution, portando in Italia i bozzetti di realizzazione della serie Assassin’s Creed.

Il videogioco è arte, il problema è farlo capire togliendo il pregiudizio di chi non lo ritiene tale, magari mostrandogli un artbook o un making of in modo da fargli sapere che ci sono artisti che ci lavorano e che hanno passione nel farlo.

Citando Debora Ferrari (Critica d’arte e curatrice Art (R)Evolution):

“La cultura è presbite, vede cose via via che si allontanano” 

Sperando che questa presbiopia venga curata presto, vado a gettare a caso della vernice su una tela, è arte! 😉

Ahhh, Mirror’s Edge…

foto prese da Eletric Blue Skies – Visual Gaming

Videocoverage Art (R)Evolution

Annunci




La pirateria va di moda e “fa figo”, o almeno così dicono

18 06 2012

“Ma costano troppo, vai sul torrent e li scarichi gratis, e si eh”

“Eh ma dai, 60 euro è troppo : (“

“Lo fanno tutti quindi è giusto!!1111!!1”

“UUUh, è disponibile Pinco Pallino Giardiniere sul mulo, vai che lo scarico prima di tutti!”

“No ma va, io li scarico per provarli e poi decido se comprarli”

Non so voi, ma a me queste frasi fanno incazzare, sarà per l’ignoranza di questi individui, sarà perché è fastidioso sentire che queste persone reputino la pirateria un atto… normale.

In realtà è illecito ed equivale a rubare, detto in parole povere chi pirata è un ladro. Anche se visto in maniera differente perché si tratta di materiale digitale e non fisico, diciamo che se non vediamo quello che ha rubato e non lo ha effettivamente in mano la sua figura cambia.

Gabe è un pirata… senza Half Life 3…

Leggi il seguito di questo post »





Bcube, l’italiano è un po’… cubico

14 06 2012

Oh sì, mi piace “cazzeggiare” con Photoshop, ieri, così tanto per, mi sono messo a disegnare uno strano volto a matita per poi riportarlo con il programma sopraccitato. Guardandolo bene mi è venuto in mente l’italiano medio… ma sì perché l’italiano è un po’… cubico.

Un cubo è spigoloso, pieno di punte, quasi taglienti, graffianti, fastidiose insomma, intoccabili con un’autodifesa invalicabile.

Leggi il seguito di questo post »





Morire videogiocando… o anche ascoltando Mr. Crowley eh

1 06 2012

Leggevo pochi giorni fa una notizia dove un ragazzo trentaduenne è morto d’infarto dopo aver giocato 72 ore a Diablo III, non so perché ma non mi ha sorpreso più di tanto…

Cina, gioca davanti al pc per 72 ore poi entra in coma e muore

Muore di trombosi a vent’anni per colpa dei videogiochi?

Muore dopo 23 ore ai videogiochi

XBOX/ Inghilterra: ragazzo muore dopo dodici ore di Halo

esatto Villaggio…

Questi sono alcuni, e ovviamente buona parte di questi getta il solito allarmismo tipico della superficialità italiana.

Leggi il seguito di questo post »





“Sparx” contro la depressione, quando i videogiochi fanno bene

14 05 2012

Si sentono spesso notizie negative sugli effetti dei videogiochi: “ti rendono violento”, “ti fanno guidare in modo spericolato”, “ti fanno accoppare il padre” e via dicendo. Finalmente una notizia positiva, un videogioco che può essere d’aiuto contro una patologia dell’umore: la depressione.

L’università di Auckland in Nuova Zelanda ha progettato “Sparx” (Smart Positive Active Realistic X-factor), un fantasy giocabile su PC, non in vendita, ma che potrebbe essere sostituito alle terapie ora in uso visto i risultati prodotti dalla sperimentazione.

Leggi il seguito di questo post »





CD Projekt lo regala e c’è chi lo recensisce, The Witcher 2

7 05 2012

Ci sono Software House che sanno come far parlare di se, chi in negativo chi in positivo.
CD Projekt sicuramente fa parte della seconda categoria, infatti recentemente ha regalato 1000 copie promo di The Witcher 2 Enhanced Edition a tutti coloro che, presentandosi e raccontando la propria “vita videoludica”, avrebbero scritto una recensione sul gioco.

Ovvio che si tratta comunque di una trovata commerciale, ma architettata in modo che entrambe le parti abbiano beneficio.

Leggi il seguito di questo post »





Un quattrenne uccide il padre. (punto)

24 04 2012

L’altro ieri è uscita questa notizia dove un bambino di soli quattro anni ha ucciso il padre con una pistola, a quanto pare perché questo è tornato a casa senza una delle console Sony.

Ora, che un bambino uccida il padre non è una novità, vicende simili sono capitate in USA (ma va’?) per il solito discorso affrontato diverse volte: armi da fuoco in casa.

Leggi il seguito di questo post »